3 Ottobre 2022

L’Australia è in ritardo nella corsa globale alle criptovalute?

Il mercato globale delle criptovalute è un’entità vasta (sebbene volatile) e attualmente vanta un valore di capitalizzazione di mercato totale di circa $ 2,4 trilioni.

È interessante notare che questo ha raggiunto il picco di oltre $ 3 trilioni all’inizio di quest’anno, mentre il mercato è stato attanagliato da una corsa rialzista sostenuta che ha visto il picco di Bitcoin (BTC) token leader di mercato sopra la soglia di $ 68.000.

Tuttavia, alcuni paesi sono in ritardo rispetto ad altri quando si tratta di adottare la criptovaluta, con l’Australia che offre un esempio pertinente. Ma la marea sta cominciando a cambiare e qual è la situazione attuale per gli investitori?

Perché la paura di perdersi (FOMO) è forte in Australia

È interessante notare che è stata la Commonwealth Bank of Australia a rompere la copertura, diventando la prima delle cosiddette “quattro grandi banche” del paese a offrire una gamma di servizi basati su criptovalute.

La banca è inoltre pronta a supportare il trading di un massimo di 10 asset digitali direttamente tramite la sua app bancaria, inclusi token leader di mercato come BTC ed Ethereum (ETH).

Secondo Matt Comyn (l’amministratore delegato della Commonwealth Bank), il motivo alla base della mossa è semplice. Più specificamente, l’istituto è più preoccupato per i rischi di perdere la criptovaluta rispetto a quelli presumibilmente associati alla sua adozione, con questo punto di vista che ha già prevalso nei mercati di tutto il mondo.

In termini più ampi di investimento, questa mentalità viene spesso definita “FOMO”, o paura di perdersi. Descrive una prospettiva che considera i potenziali vantaggi di una classe di attività più convincenti dei rischi associati e l’adozione globale più ampia di token crittografici come BTC sta sicuramente incoraggiando molti a vedere l’attività in una luce più favorevole.

Comprendere la necessità di regolamentazione

Naturalmente, il mercato delle criptovalute in Australia rimane incredibilmente immaturo e potrebbe esserci la tentazione sia per le istituzioni che per gli investitori di saltare a capofitto nello spazio e tentare di recuperare il terreno perduto.

Tuttavia, ciò rappresenterebbe una svista significativa, poiché il quadro normativo in Australia ha bisogno di tempo per svilupparsi in linea con la natura della criptovaluta e la crescente domanda esistente a livello nazionale.

È necessario introdurre normative specifiche per i minatori di risorse digitali, inclusi sconti fiscali e un rigoroso regime di licenze per gli scambi di criptovalute. Ciò consentirà all’Australia di costruire un mercato in grado di competere con Singapore, gli Stati Uniti e il Regno Unito, salvaguardando al contempo gli investitori e le loro attività.

Tali misure sono state dettagliate in un rapporto completo pubblicato dalla Commissione del Senato sull’Australia come centro tecnologico e finanziario, con una chiara enfasi sull’affermazione del paese come una centrale elettrica nello spazio fintech in rapida crescita.

Per ora, tuttavia, gli investitori in Australia potrebbero voler mantenere la polvere asciutta quando si tratta del mercato delle criptovalute, con una diffusa mancanza di regolamentazione che rende questa specie una giungla al momento. 

Offrirà un valore significativo in futuro, tuttavia, soprattutto se il governo creerà un quadro normativo in cui i trader possono operare in modo sicuro e redditizio in ogni momento.